Home Notizie Biogas da FORSU a Rossiglione

Biogas da FORSU a Rossiglione

4 min lettura
10
0
2,013
Rossiglione, panorama - Foto di Xagena

Biogas da FORSU
Animata assemblea pubblica
con amministratori e tecnici

Rossiglione. Presso la sala polivalente comunale, venerdì 22 luglio alle ore 21, si è svolta la prima assemblea pubblica per illustrare alla popolazione il progetto per la realizzazione di un biodigestore anaerobico, posizionato nella zona esterna del paese detta “giro dell’Orso”.
Il sindaco Cristino Martini, il vice Giuseppe Gambarini e l’assessore competente hanno presentato l’ingegner Luca Marigo, dell’Ateneo genovese ed il dottor Farina rappresentante della società che chiede di realizzare il primo impianto del genere in Liguria: “Biogas da FORSU (Frazione Organica Rifiuti Solidi Urbani)”.
Prima vi è stata la premessa degli amministratori, imperniata sull’obbligo generale di raggiungere e rispettare le percentuali di raccolta differenziata, pena pesanti sanzioni economiche gravanti su tutti i cittadini, che impone a breve l’avvio della raccolta anche del cosiddetto “umido”, da cui discenderà il suo smaltimento a pagamento fuori dalla , oppure il possibile utilizzo in loco, appunto tramite biodigestore, con positive ricadute generali, anche per gli altri Comuni locali.
Marigo ha quindi illustrato, con l’ausilio di tabelle e foto, gli aspetti generali della tecnologia brevettata e già applicata in impianti di varia dimensione e tipologia a Chiusa Pesio (CN) ed a Crema, per poi giungere alla proposta rossiglionese che prevederebbe un paio di edifici in muratura, due silos esterni ed un altro manufatto di servizio, dietro apposita alberatura, con una resa energetica di circa un megawatt ed emissioni in atmosfera pari a quella prodotta dal metano per una sessantina di unità abitative, tutto nel pieno rispetto dei previsti parametri di legge e con i relativi controlli. Il risultato del processo digestivo della frazione organica, in circa settanta giorni, è un ammendante per terreno che può essere ulteriormente arricchito, con ramaglia e verde, per ottenere un compost da giardinaggio di maggior pregio e valore, operazione questa che si svolgerebbe a Masone presso il Vivaio Forestale.
Il dibattito seguente è stato caratterizzato prima dalle preoccupazioni dei contrari, in gran parte incentrate sulle eventuali emissioni nocive, il deprezzamento del patrimonio abitativo, il passaggio dei camion nell’abitato. A tutte le domande, alcune molto lontane dall’argomento, hanno puntualmente risposto amministratori e proponenti, che hanno ribadito non voler imporre “niente a nessuno”.
Verso le ventitre sono giunti stimoli più costruttivi e l’assemblea si è chiusa in modo pacifico, rinviando le decisioni in merito ad ulteriori approfondimenti, anche pubblici, come ha affermato il sindaco rossiglionese.
Telemasone Rete Valle Stura ha ripreso integralmente l’assemblea.

Vota questo post
Vedi più articoli correlati
Vedi più articoli su Notizie

10 Commenti

  1. giuseppe parodi

    25 luglio 2011 at 13:33

    ma i rossiglionesi ne hanno proprio voglia di diventare la discarica (dell’umido) di buona parte della provincia di genova ?

    non gli bastava il depuratore della valle ?

    auguri

    Rispondi

  2. giuseppe parodi

    25 luglio 2011 at 13:39

    oltre ai giardinetti e alla pista ciclabile, chiedete che realizzino un ospedale per le malattie … respiratorie, soprattutto per i bambini …

    belin che furbastri a arrsciugni …

    auguri

    Rispondi

  3. Gio Ottonello

    26 luglio 2011 at 16:15

    Se pagano e ci fanno i giardini si protrebbe fare una anche a Masone

    Rispondi

  4. giuseppe parodi

    26 luglio 2011 at 22:44

    si si pagano stai tranquillo, vedrai come pagano …

    e poi scappano, vedrai come scappano dopo aver inquinato tutta la valle, l’aria, l’acqua …

    ma tantu a le’ a arsciugni … belin che belinugni a arsciugni …

    Rispondi

  5. wrsiugni

    27 luglio 2011 at 14:15

    le domande poste erano pertinenti non “molto lontane dall’argomento”……..non so se può dire altrettanto delle risposte…..

    Rispondi

  6. giuseppe parodi

    27 luglio 2011 at 21:56

    fanno presto poi a trasformarla in un inceneritore … altro che biogas, diossinaaaaaaaaaa …

    evvai che ci voleva proprio, col tempo che c’e’ in valle, in quelle belle giornate, dove non tira un alito di vento, aaaaaaaaa che piacere sto aerosol di rumenta bruciata …

    preparate le maschere … A GAS !!!

    ciao ciao arsciugni …

    Rispondi

  7. apriamogliocchi

    28 luglio 2011 at 19:05

    purtroppo mi trovo d’accordo con Giuseppe: le prospettive sono alquanto inquietanti… le preoccupazioni di molti più che legittime, sacrosante!

    Rispondi

  8. giuseppe parodi

    28 luglio 2011 at 21:37

    le male lingue corrono e dicono che non sara’ mica che l’ex sindaco agostino vuol fare carriera in politica, offrendo i miasmi di un bell’inceneritore, il traffico di decine di tir puzzolenti e pericolosi, per quattro giardinetti e una pista ciclabileeee …

    una pista ciclabileeee a arsciugni, ma le’ pusscibile … e dove la fanno nello sssturaaa, o direttamente al cimiterooo ???

    questi si son venduti u zeneviellu …

    e vaben … avanti Savoia, povero PCI

    Rispondi

  9. Gio

    29 luglio 2011 at 14:51

  10. wrsiugni

    1 agosto 2011 at 10:51

    Lo stesso dottor Farina che è uno che costruisce questi impianti ha detto ke lui non abiterebbe volentieri nelle vicinanze del biodigestore……

    Rispondi

Rispondi