Home TeleMasone Documenti Personaggi Cittadinanza onoraria masonese a Mario Vidor

Cittadinanza onoraria masonese a Mario Vidor

5 min lettura
0
0
405
Mario Vidor

Cittadinanza onoraria
Il noto fotografo Mario Vidor
amico e cittadino di Masone

Masone. La solenne consegna della cittadinanza onoraria al fotografo Mario Vidor avverrà presso il Comune di Masone nella mattina di sabato 3 dicembre.
Grande amico del nostro paese ed in particolare di Museo Civico “Andrea Tubino”, cui negli anni ha donato sei importanti mostre ed opere, con cadenza biennale, il grande fotografo di fama internazionale ha sviluppato un vero e proprio rapporto di cordiale vicinanza con Gianni Ottonello e gli “Amici del Museo Andrea Tubino”, che anche per questo hanno chiesto ed ottenuto l’assegnazione del civico riconoscimento.

Il programma prevede per venerdì 2 dicembre la proiezione, alle ore 21 presso il teatro Opera Monsignor Macciò, delle fotografie di Vidor presentate dall’autore. Sabato 3 invece, presso la sala del Consiglio Comunale di Masone, il sindaco Paolo Ottonello consegnerà la cittadinanza onoraria, concessa con delibera consiliare, leggendo la formula di rito.
Breve nota biografica di Mario Vidor, nato nel 1948 a Farra di Soligo.

Mario Vidor
Mario Vidor

Partendo dalle prime esperienze pittoriche degli anni ottanta, la sua attenzione si è di seguito incentrata sulla fotografia. Dal 1982 la sua personale ricerca – partendo dalla lezione dei maggiori maestri dell’immagine di questo secolo – si sviluppa in due direzioni: l’indagine storico-scientifica e il linguaggio creativo. Alla sua prima pubblicazione “Sulle terre dei Longobardi” (1989), sono seguiti numerosi altri volumi di fotografia, e alcune singolari cartelle foto-litografiche. A Pontremoli nel settembre del 1992, con il libro “Semplicemente Italia” ha ricevuto il Premio Bancarella. Altri premi da menzionare: a Padova per la miglior fotografia veneta (1996) il Premio “Carlo Goldoni”, a Macerata, il Premio “Territorio Odissea 2000” (1998), per il libro “Le torri di Babele” e, a Orvieto nel marzo 2002, con il libro “Pagine Bianche”, si è classificato primo nella categoria “Fotografia Creativa” e a Garda (VR) nel maggio 2003 ha ricevuto il riconoscimento B.F.I. dalla FIAF.
Ha tenuto numerosissime mostre personali (oltre 230) nelle principali città italiane e all’estero in Francia, Germania, U.S.A., Repubblica Popolare Cinese, Croazia, Austria, Slovenia, Canada. In particolare: Frame O’Rama, New York (USA); Sicof Cultura, Milano (I); Bauhaus, Mannheim (D); Mostra Internazionale della Fotografia, Parigi (F); Il Diaframma, Milano (I); nei musei croati di Albona, Fiume, Pinguente, Rovigno e Zagabria; Photokina, Colonia (D); Centro Internazionale d’Arte Contemporanea, Pechino (CINA); Associazione Culturale Italo-Tedesca, Venezia (I); Fondazione Querini Stampalia, Venezia (I); Spazio Olivetti, Venezia (I); Charles Scott Gallery Emilicars Institute of art e design, Vancouver (CA); Museo Wagner, Bayreuth (D); nei musei ucraini di Vinnitsya, Tulchyn, Ladyzhyn; ed a Arles (F) in occasione del Mois de la Photografie Galerie du Crédit Mutuel. Sue opere sono conservate nelle collezioni di musei e gallerie: Diaframma, Milano; Museo Civico di Vittorio Veneto; Fondazione Querini Stampalia, Venezia; Musei croati di Albona, Pinguente, Pisino, Rovigno; Biblioteca Nazionale di Francia a Parigi; Fondazione Internazionale delle Arti Contemporanee di Pechino, Charles Scott Gallery Emilicars Institute of art e design di Vancouver in Canada e alla Biennale di Brescia.

Cittadinanza onoraria masonese a Mario Vidor
Vota questo post
Vedi più articoli correlati
Vedi più articoli su Personaggi

Rispondi