Offerte Lavoro, Bandi, Finanziamenti, Concorsi…
In questa pagina daremo qualche indicazione a chi sta cercando offerte di lavoro, ma anche spazio ai bandi per imprese e giovani e ai finanziamenti per le piccole e micro imprese.

business plan

 

 

La Giunta regionale ha approvato, nelle settimane scorse, l’apertura di due bandi relativi al Programma di sviluppo rurale 2014-2020 con una dotazione finanziaria complessiva di 1,1 milioni di euro.
I bandi rientrano nelle misure 12.1 “indennità compensativa per le aree agricole Natura 2000” da 400 mila euro e 12.2 “per indennità compensativa per le aree forestali Natura 2000, salvaguardia e ripristino della biodiversità” da 700 mila euro.
E’ un’iniziativa mirata al sostegno di silvicoltura e allevamento e l’assessore Mai ha comunicato che le aziende agricole che hanno presentato una domanda di finanziamento, sulle misure già aperte, riceveranno la comunicazione di avvio dell’istruttoria.
Nella Rete Natura 2000 rientrano le aree a protezione speciale (praterie-pascolo nelle quali figura anche l’area Beigua-Turchino) e le zone speciali di conservazione dove sono previste particolari riduzioni di carico di bestiame.
Per gli agricoltori che hanno pascoli compresi nelle zone a protezione speciale e zone speciali di conservazione, previsti premi da 80 euro per ettaro ad anno.
Le indennità per la salvaguardia e ripristino di biodiversità nelle aree forestali di Natura 2000, invece, sono comprese tra i 325 euro per ettaro (per superfici al taglio comprese tra i 2 e i 10 ettari) e 260 euro per ettaro (per la frazione di superficie al taglio sopra i 10 ettari).


 

La Regione Liguria, in riferimento ai danni alluvionali degli anni scorsi, ha stanziato 430.000 euro per il rifacimento del muro di difesa spondale nel tratto del torrente Stura di fronte al vivaio Pian Nicola di Masone.
Le piogge torrenziali avevano infatti causato rilevanti danni alla rete fognaria ed al muro di contenimento dell’argine che verrà quindi interamente ripristinato.
Altri 95.000 euro, inoltre, sono stati assegnati al comune di Masone per il completamento della difesa spondale in località Rian Freddo-Groppo per terminare l’argine sul torrente Stura, già parzialmente realizzato negli anni scorsi, in prossimità dell’ex guado andato poi demolito per eliminare le pericolosità derivanti da tali costruzioni.


 

La Regione Liguria ha approvato l’implementazione di 8,5 milioni di euro del bando Psr-Piano di sviluppo rurale 2014-2020, sottomisura 4.2, dedicata al supporto degli investimenti che riguardano la trasformazione, la commercializzazione e lo sviluppo dei prodotti agricoli.
Il bando, come ha spiegato l’assessore Stefano Mai, era già stato aperto a fine 2015, con procedura semplificata, in attesa che fosse definitivamente approvato da Bruxelles il Psr.
Inizialmente dotato di 500.000 euro, si è arrivati a un budget di 9 milioni per andare incontro alle richieste del territorio.
Gli obiettivi del bando sono quelli di favorire investimenti che promuovano l’innovazione e la qualità della produzione tra le imprese agricole liguri in un processo di accompagnamento allo sviluppo delle proprie attività”.
Le imprese, che hanno già presentato le domande in forma “semplificata”, possono perfezionarla entro il 2 maggio.
Possono accedere al bando le aziende che trasformano e commercializzano prodotti agricoli per investimenti avviati dopo la presentazione della domanda quindi non retroattivi ma già dotati di tutte le autorizzazioni richieste dalla normativa che possono riguardare: acquisto di fabbricati adibiti alla trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, la loro eventuale ristrutturazione, acquisto di macchine e attrezzature, interventi per adesione a sistemi di qualità certificata, acquisto di software, brevetti, licenze, creazione di siti internet, interventi per risparmio idrico ed energetico.


 

Il bando regionale denominato “Agevolazioni ai piccoli esercizi commerciali dell’entroterra”, chiuso l’anno scorso a luglio ha ottenuto un discreto successo anche tra gli esercizi commerciali dell’Unione dei Comuni , Orba e Leira.
Su uno stanziamento totale concesso per la sola provincia di Genova di 520.000 mila euro, le domande pervenute e accettate sono riuscite a coprire solo il 77% di quanto previsto dal bando.

In particolare per la Valle Stura ad aderire sono stati :

  • Per Masone : Ottonello Michi, Alimentari Cinzia e Norma, Macelleria Morchio, Pastorino Alessandro, Alimentari Garre, L’Emporio di Piera e Viviana e il Boujardin di Ponte Giacomo , a cui verrà concesso un contributo totale di euro 56.000 euro
  • Per Campo Ligure e Rossiglione : Pasticceria Giulia , Cavanna Alessandro, Dal Brignin e Pesce Caterina con un contributo totale di euro 25.704.

Hanno aderito all’iniziativa anche un paio di botteghe di Tiglieto e tre botteghe di Mele.

Ricordiamo che il bando prevedeva un contributo a fondo perduto del 40% delle spese totali ammissibili per ristrutturazione e ammodernamento dei locali con superficie non superiore a 150 metri quadri, in regime de minimis, nelle aree regionali individuate dalla legge regionale 3 del 2008 , contributo incrementato del 10% per i Comuni con meno di 1000 abitanti e del 15% per gli interventi realizzati da imprese costituite da persone con meno di 35 anni.
Il termine per effettuare i lavori è di un anno dalla data di ricevimento della determinazione di concessione del contributo.


 

Lunedì 6 marzo il Presidente del Consiglio Gentiloni ha firmato, unitamente al Sindaco Doria, la convenzione per i finanziamenti che Genova ed altri 14 Comuni della nostra Città metropolitana si sono aggiudicati per la riqualificazione dei propri territori.
In particolare il Comune di Campo Ligure è lieto di comunicare che è stato ottenuto il finanziamento per la ristrutturazione e riqualificazione energetica del palazzetto comunale per una cifra totale pari a € 927.000, ed è stata inoltre ufficializzata l’acquisizione al patrimonio comunale dell’immobile ex sede della comunità montana per € 60.000, rateizzati in 15 anni, da destinare alla valorizzazione di beni culturali, storici e artigianali.
Il ha presentato cinque progetti per altrettanti lotti funzionali, compresa la pavimentazione di Piazza Viotti e la realizzazione del campo sportivo polifunzionale, per un totale di €935.000.
Giovedì 9 marzo invece si è dato il via al rifacimento di oltre 400 metri di marciapiedi in via Airenta; eventuali disagi per la circolazione a causa del parziale e transitorio restringimento della carreggiata per permettere i lavori, saranno assolutamente temporanei.


 

La Giunta comunale di Masone ha deliberato di proporre al Consiglio Comunale per l’approvazione, relativamente all’anno di imposta 2017, le aliquote per l’applicazione dell’IMU (Imposta Municipale Propria) con conferma di quelle dell’anno precedente.
L’aliquota ridotta per l’abitazione principale e relative pertinenze (solo per le categorie A/1, A/8 e A/9) sarà perciò ancora del 4,3 per mille.
L’aliquota ordinaria del 10 per mille e quella dei terreni agricoli del 7,6.
La detrazione per abitazione principale sarà di 200,00 euro.
Inoltre ha stimato in euro 728. 000 il gettito complessivo di tale imposta per l’anno 2017 derivante dalle aliquote e detrazioni stabilite, al netto delle trattenute di 288. 840 euro a titolo di quota di alimentazione del Fondo di solidarietà comunale.


 

In questi giorni l’Assessorato all’ della Regione Liguria ha potuto constatare l’ottimo successo che hanno riscosso i bandi chiusi al 31 gennaio 2017 relativi agli investimenti nelle aziende agricole e al premio per l’insediamento dei giovani agricoltori.

Sulla misura 4.1 riguardante gli investimenti sono state presentate 470 domande per un valore totale degli investimenti di 30 milioni di euro, mentre sulla misura 6.1 le richieste di insediamento pervenute sono 200 da giovani agricoltori e ammontano a oltre 5 milioni di euro.
Al momento è in corso l’avvio dell’istruttoria delle pratiche presentate e nelle prossime settimane sapremo il numero preciso delle domande ammissibili ai finanziamenti. Da parte della Regione c’è la piena volontà di non tagliare fuori nessun imprenditore dalla possibilità di accedere ai finanziamenti e nei prossimi mesi si prevede una riapertura di entrambe le citate misure. Purtroppo permangono ancora difficoltà dovute al sistema Sian e a inefficienze di Agea, soggetto deputato all’erogazione dei fondi, problematiche queste che stanno penalizzando la nostra regione al pari delle altre dodici che utilizzano il medesimo Ente pagatore.

Agea ha tuttavia assicurato lo sblocco del programma informatico entro il mese di aprile, anche perché entro fine anno l’intenzione è quella di adottare ulteriori bandi e attivare così le misure del PSR che ancora mancano all’appello.


 

Ricordiamo che un decreto legge del 2011 ha disposto l’obbligo di iscrizione al Catasto Edilizio Urbano dei fabbricati rurali iscritti nel catasto dei terreni e tale iscrizione doveva completarsi entro il 30 novembre 2012. Attualmente nella banca dati del Catasto Terreni della provincia di Genova risultano ancora iscritti 28.000 fabbricati rurali.
La Direzione Centrale Catasto e Cartografia ha disposto che, entro il termine di cinque anni per l’applicazione della sanzione per mancata dichiarazione di accatastamento, ciascun ufficio provinciale proceda a puntuali controlli per gli opportuni accertamenti.
Gli enti pubblici sono stati invitati ad eventuali iniziative informative ed è probabile che il comune di Masone porti a conoscenza del problema i proprietari, o uno degli eredi, attraverso una lettera.
Presso gli uffici comunali è comunque disponibile l’elenco dei siti interessati dei fogli di catasto e le particelle.
L’elenco dei fabbricati rurali è inoltre disponibile sul sito www.agenziaentrate.gov.it ed è raggiungibile attraverso un opportuno percorso.


 

La Giunta regionale ha prorogato fino al prossimo 28 febbraio il termine per la presentazione, da parte delle imprese, delle domande relative al bando “Agevolazione a favore delle attività economiche per prevenzione da rischi alluvionali attraverso soluzioni tecnologiche (dispositivi e/o impianti)” del Por Fesr (Programma Operativo Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) della Liguria per gli anni 2014-2020.
Il bando promuove la dotazione da parte delle micro, piccole e medie imprese liguri di sistemi (dispositivi e/o impianti) di auto protezione in caso di calamità alluvionali.
I destinatari del bando sono le micro, piccole e medie imprese.
Gli investimenti devono riguardare unità locali ubicate sul territorio della Regione Liguria e devono essere completati entro 6 mesi dalla data di ricevimento del provvedimento di concessione.
Le risorse assegnate al bando sono pari a 6.400.000 di euro.
L’agevolazione, concessa in regime de minimis, consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 50% – 60% – 80% a seconda delle diverse situazioni.
L’investimento ammissibile agevolabile non può essere inferiore ad euro 2.500 e superiore a 40.000 euro.
Le domande di ammissione ad agevolazione devono essere redatte esclusivamente on line accedendo al sistema bandi online dal sito filse.it entro il prossimo 28 febbraio 2017, secondo il nuovo termine prorogato dalla Giunta regionale.


 

Un fondo regionale di garanzia del valore di 400mila euro per le persone che intendono acquistare la prima casa stipulando un mutuo bancario, attraverso la concessione di una fidejussione per il pagamento delle rate è stato presentato nei giorni scorsi dalla Regione Liguria.
Si tratta di un sostegno rivolto alle neo famiglie e in particolare alle persone fino a 40 anni con l’obiettivo di ridurre il rischio “inadempimento” a causa di situazioni di difficoltà come la perdita del posto di lavoro, morte o un handicap grave.
Sarà Filse che gestirà tutta la fase operativa e di rapporto nei confronti degli Istituti di Credito erogatori dei mutui che si convenzioneranno con la Finanziaria regionale e saranno, in questo modo, garantiti per eventuali inadempimenti di chi ha stipulato il mutuo.
Le condizioni essenziali per poter accedere alla garanzia sono l’importo del mutuo che non può essere superiore a 150mila euro, la durata del mutuo che non dovrà essere inferiore a 25 anni e il prezzo dell’immobile oggetto della compravendita che non dovrà superare i 200mila euro.
La garanzia fornita dalla Regione Liguria sarà pari al 10% dell’importo del mutuo concesso dalla Banca con un limite massimo di 10.000 euro a persona, per coprire il pagamento delle rate che risultano insolute, sia per la quota di capitale sia per la quota interessi.


 

Il sindaco metropolitano Marco Doria ha inviato una nota ai 15 sindaci dei Comuni coinvolti nel progetto che prevede 40 milioni di euro destinati a scuole, strade, rischio idrogeologico e servizi per l’inclusione nei Comuni e sta per essere finanziato dal CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica) con delibera che dovrebbe essere in uscita tra gennaio e febbraio.
Interessa i comuni della Valle Stura e delle Valli Polcevera e Scrivia.
Per quanto riguarda la nostra valle, il comune di Rossiglione riceverà un finanziamento di circa 935.000 euro per la riqualificazione del tessuto urbano del Borgo Inferiore, servizi scolastici e sociali, spazi per lo sport e l’aggregazione, rigenerazione aree pubbliche.
Al comune di Campo Ligure andranno circa 927.000 euro per la ristrutturazione del palazzetto dello sport con rifacimento del tetto e sistemazione di pannelli fotovoltaici ed il rifacimento dell’impianto di riscaldamento.
Il comune di Masone dovrebbe ottenere 220.000 euro che verranno impiegati per i lavori di adeguamento sismico delle struttura scolastica in località Ronco mentre nel comune di Mele con 204.000 vedrà la possibilità di completare la riqualificazione del Centro storico con la pavimentazione dell’ultimo tratto di viabilità interna.
Infine per il comune di Tiglieto sono previsti 100.000 per la riqualificazione della Piazza Martiri per la Libertà.
Il progetto complessivo è stato presentato dalla Città metropolitana di Genova grazie anche all’importante contributo fornito dai sindaci del territorio ed è stato inserito nella graduatoria al 40° posto su 120 totali.
In vista della pubblicazione imminente della Delibera CIPE di stanziamento dei relativi finanziamenti il sindaco metropolitano ha invitato i colleghi sul territorio a procedere nella predisposizione dei progetti esecutivi e ad acquisire le autorizzazioni e i nulla osta necessari per far partire gli interventi.
Il progetto della Città metropolitana prevede di destinare oltre 16 milioni alle scuole superiori, 14,6 milioni alle strade, 2,9 alla riduzione del rischio idrogeologico e 6,3 milioni a scuole e servizi nei Comuni, promuovendo l’inclusione.


 

La giunta regionale della Liguria ha approvato un bando da 45 mila euro per l’acquisto di arnie da parte di apicoltori con almeno 15 arnie e in regola con l’iscrizione all’anagrafe nazionale.
Secondo i dati presentati in Liguria sono oltre 1.700 gli apicoltori.
Nella provincia di Genova sono 765, il 44% a livello regionale con 12.413 alveari; in quella della Spezia sono 392 apicoltori (5.863 alveari), in quella di Savona sono 356 (5.769) e in quella di Imperia sono 239 (5.213).
L’83% degli apicoltori liguri ha meno di 20 alveari.
Il bando sarà aperto fino al 9 dicembre.
Sono previsti finanziamenti fino al 60% della spesa ammessa, con un limite massimo di spesa di 70 euro per arnia.
Priorità sono rivolte ai giovani agricoltori, apicoltori con partita Iva, con laboratorio di smielatura registrato e apicoltori biologici.
“Con queste risorse – ha ricordato l’assessore regionale Stefano Mai – sono acquistabili circa 1.100 arnie anti varroa, il parassita che uccide le api e mette a rischio la produzione di miele”.


 

La Regione Liguria, considerato il momento critico attraversato dal comparto dell’Agricoltura e dell’Allevamento ha deliberato l’assegnazione di 160 mila euro, già previsti a bilancio, per potenziare il programma delle iniziative zootecniche a favore dell’associazione regionale Allevatori.
Con il finanziamento dell’attività svolta dall’associazione degli allevatori l’assessore regionale Stefano Mei conta di supportare circa 300 aziende del comparto.
I nuovi finanziamenti sono indirizzati a potenziare il programma delle iniziative a favore dell’associazione Allevatori: formazione professionale, informazione, consulenze sui bandi del Piano di sviluppo Rurale, ammodernamento delle aziende, sviluppo della filiera corta, qualità, partecipazione a concorsi, fiere, divulgazione.
Nelle iniziative zootecniche rientrano, invece, una serie di attività a supporto del settore: in particolare si prevedono azioni di formazione professionale, attività dimostrative e azioni di informazione, consulenze anche sui bandi del Piano di sviluppo rurale 2014-2020, ammodernamento delle aziende.
E ancora, di sviluppo della filiera corta, qualità delle produzioni, partecipazione a concorsi, fiere ed esposizioni, attività divulgativa.


Il nuovo progetto “Crescere in digitale” nasce dalla collaborazione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Unioncamere e Google, con il duplice scopo di diffondere le competenze digitali tra i giovani (fino a 29 anni) e avvicinare al web le imprese italiane. Il progetto – inserito in Garanzia Giovani, ma indipendente a livello economico – offre l’opportunità di attivare tirocini finanziati da Unioncamere a costo zero per l’azienda. I tirocini sono di natura formativa: il giovane, dopo un apposito corso di 50 ore tenuto da esperti di marketing digitale con il supporto tecnico di Google, entrerà in azienda per sei mesi ricoprendo mansioni inerenti lo sviluppo di business online, a seconda delle esigenze delle singole realtà. In caso di futura assunzione del tirocinante le imprese potranno usufruire di incentivi fino a 6.000 € (aggiuntivi rispetto a quelli del jobs act).

Primo passo è iscrivere l’impresa al portale. Si attende una mail di conferma, che rimanderà a un altro questionario dove completare la domanda con dati più dettagliati.Una volta compiuti questi passaggi, si dovrà attendere di essere convocati per i Laboratori territoriali dove avverrà il l’abbinamento tra imprese e tirocinanti. Nei laboratori l’azienda terrà dei colloqui con i giovani più adatti alla mansione richiesta e potrà esprimere preferenze sui soggetti maggiormente interessanti. Dopodiché, starà a selezionatori esterni completare l’attività di “matching” (abbinamento tirocinante/azienda).
Per maggiori informazioni visitate il sito www.crescereindigitale.it sezione imprese.


Opportunità lavorative presso Agorà


Bonus assunzione giovani 2015

E’ on line il bando relativo al bonus assunzione giovani 2015 da parte delle aziende; destinato quindi ai datori di lavoro che intendono assumere disoccupati iscritti al Programma Garanzia Giovani (per registrarsi è sufficiente collegarsi al sito Garanzia Giovani e seguire le istruzioni) che abbiano un’età compresa tra i 16 e i 29 anni e che al momento dell’assunzione si trovino nella condizione di “Neet” acronimo di Not Education, Employment or Training, ovvero persone ch non studiano, non lavorano e che non frequentano un corso di formazione.

L’incentivo viene erogato al datore di lavoro dall’Inps ed è entrato in vigore il 4 ottobre 2014; il bonus resterà attivo fino al 30 giugno 2017.

http://www.gazzettadellavoro.com/bonus-assunzione-giovani-bando/125958/

Cerco Offro lavoro

Vota questo post
Vedi più articoli correlati
  • comunicati-stampa

    Comunicati Stampa

    Raccolta di comunicati stampa, in ordine cronologico: 15 maggio 2017: Contro osservaz…
  • Notizie in Breve

    Notizie brevi su quanto accade in Valle Stura e notizie utili dai Comuni   Domenica 2…
  • PENDOLARI ACQUI TERME-GENOVA-Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba

    Iniziative del CDTVSeO

    Comitato Difesa Trasporti Valli Stura e Orba Puoi trovarci su Facebook e sul nostro nuovo …
Vedi più articoli su Evidenza

Rispondi