Il 19 giugno 2014 si è tenuto su TeleMasone, canale 74 digitale terrestre, alle ore 20.30, un dibattito pubblico organizzato dal Comitato Difesa Trasporti Valle Stura e Orba e i vari amministratori locali delle due valli.

L’intenzione del dibattito in diretta televisiva è stata quella di consentire la partecipazione di tutti dalle proprie abitazioni, senza la necessità di spostarsi di un solo metro, con la possibilità di partecipare attivamente con interventi telefonici in diretta.


 

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del Consigliere Regionale Aldo Siri, indirizzata al Comitato Difesa Trasporti Valle Stura e Orba e a TeleMasone dopo il dibattito televisivo:

Cari amici,
desidero congratularmi con Voi per la buona riuscita della trasmissione alla quale ho partecipato ieri sera ed andata in onda su TeleMasone, iniziativa che ritengo si possa e debba ripetere maggiormente in futuro per dare risalto alle varie problematiche che, purtroppo, affliggono il nostro territorio.

Per coloro, spero veramente pochi vista l’importanza dell’argomento, che non hanno potuto assistere alla diretta, ed in attesa che il video sia reso disponibile in streaming sul sito di TeleMasone, mi permetto di sintetizzare i punti fondamentali emersi nella serata in seguito all’intervento telefonico dell’Assessore regionale ai trasporti Enrico Vesco nonché di alcuni residenti delle Valli:

  • l’Assessore ha affermato in maniera provocatoria che ritiene tutto sommato eccessive le nostre contestazioni in quanto, secondo lui, la linea Genova – sarebbe una delle realtà territoriali attualmente addirittura meno penalizzate, con ben oltre 20 coppie di treni operativi!! Come se non bastasse ci ha anche rimproverato per non essere stati in grado di trovare le coperture finanziarie necessarie ad implementare il servizio ai livelli da noi ritenuti adeguati…
  • Ha rinsaldato che il prolungamento ad un mese del fermo linea è strettamente collegato al conseguente effettivo risparmio economico per la Regione Liguria di 250mila euro, che serviranno a finanziare i nuovi collegamenti estivi, guarda caso in specie proprio nel levante ligure;
  • Ha specificato che la nostra linea avrebbe un costo mensile per le casse regionali di 1milione di euro;
  • Ha ribadito l’attivazione del servizio sostitutivo con bus, per i quali abbiamo chiesto la possibilità di prolungare il percorso fino alla stazione di Genova Brignole;

Naturalmente sono sinceramente sconcertato dai contenuti sopra evidenziati, non ho mai mancato di contestare all’Assessore Vesco molte sue decisioni e sicuramente continuerò a farlo, a partire dall’incontro da me espressamente richiesto ed in programma proprio oggi alle ore 16 in Regione con le Associazioni dei pendolari e le Amministrazioni comunali locali.

Dobbiamo far capire a questa Giunta che i residenti delle Valli Stura ed Orba, tutti insieme, non intendono più subire penalizzazioni.

Vi ringrazio per l’attenzione ed invio un cordiale saluto.

Aldo Siri

Dibattito pubblico su tagli e chiusura linea Genova-Acqui
Vota questo post

Rispondi