Home Cronache Locali A rischio il latte della Valle Stura

A rischio il latte della Valle Stura

4 min lettura
0
0
499
latte rossiglione

Parmalat non rinnova: a rischio il della . In crisi la produzione dopo che il 31 marzo è scaduto l’accordo tra la multinazionale e la Cooperativa Valpolcevera. “Produciamo 30 quintali al giorno. Tra qualche giorno dovremo buttare via tutto”

E’ un terremoto per tutto il settore della produzione del latte nelle valli genovesi. E i suoi effetti li sta facendo sentire anche molto vicino a noi, in Valle Stura e tra le aziende del latte dell’Oltregiogo tra Voltaggio e Gavi.

Il 31 marzo Parmalat non ha rinnovato il contratto per il conferimento del latte negli impianti di Collecchio. Ad andare in crisi è stata la Cooperativa Valpolcevera che opera a Campomorone. Rossiglione rappresenta la realtà maggiore della provincia di Genova, ma tutta la Valle può contare su una allevamenti per un totale di 600 mucche.

“Parliamo – spiega Lorenzo Pesce, consigliere delegato alle Politiche Agricole per il e allevatore in prima persona – di un settore che solo da noi produce una trentina di quintali di latte ogni giorno. La decisione di Parmalat ci ha abbastanza spiazzato”.

Il vecchio contratto prevedeva il conferimento alla cooperativa al prezzo di 35 centesimi al litro. Nell’immediato è stato trovato un accordo con un grossista alessandrino che però dopo qualche giorno è arrivato a saturazione.

“Ed ora – prosegue Pesce – si sta cercando una modalità diversa. Non c’è molto tempo. La gestione degli animale costa e il latte non si conserva a lungo. Il paradosso è vedere la concreta possibilità di dover buttare via un prodotto di eccellenza”.

Dell’argomento si è parlato anche in Regione Liguria l’8 aprile, nel vertice convocato con l’assessore alle Politiche Agricole, Stefano Mai, che ha esotato a comprare il latte crudo ligure nei mercati.

Dove acquistare, dunque, il latte “nostrano” e sostenere i produttori locali? A Genova il latte dei produttori genovesi è acquistabile nei distributori-erogatori di latte crudo che si trovano a Bolzaneto, nel circolo di acquisto solidale, nei mercati comunali coperti di Terralba, piazza Romagnosi, mercato del Carmine, in via Varenna a Pegli. A Campo Ligure, in via don Minzoni. A Casella, in via Aldo Moro. A Busalla, in piazza Macciò. A Rossiglione, in via Roma. A Masone, in via Vittorio Veneto. A Campomorone, in via Martiri della Libertà. E ovviamente  presso le aziende zootecniche della Valle Stura, Scriva, Aveto e Polcevera.

Vedi più articoli correlati
  • Gelicidio, tronchi sulla strada - Viviana Prestia

    Valle Stura isolata nel gelo

    Un lunedì e un martedì nero quelli appena trascorsi nell’entroterra ligure e non sol…
  • segni di incività

    Segni di inciviltà

    Nessun luogo è esonerato dai segni dell’umanità che caratterizzano la nostra epoca. Anche …
  • Premio Iris

    Premio Iris alle Madri Pie di Ovada

    L’informazione ovadese ha riportato nei giorni scorsi l’eccellente notizia del conferiment…
Vedi più articoli su Cronache Locali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Valle Stura isolata nel gelo

Un lunedì e un martedì nero quelli appena trascorsi nell’entroterra ligure e non sol…