Continuano i disagi per i pendolari valligiani, a seguito della soppressione della circolazione passeggeri nella tratta Ovada-Genova, Il (dis)servizio di autobus che dovrebbe sostituire i treni tra ritardi, guasti, aria condizionata malfunzionante, unito al vedere passare treni merci sulla stessa linea ogni mezz’ora se non più spesso, sta portando all’esasperazione chi è costretto ad utilizzare i mezzi pubblici e non può ricorrere all’automezzo privato.

Il Comitato Pendolari, che tanto ha fatto e sta facendo per cercare di mantenere condizioni di viaggio accettabili sulla Acqui-Genova, raccogliendo proteste e suggerimenti di chi ne usufruisce, e facendosene portavoce, ha. firmato la lettera sottoriportata, di comune accordo con i 27 comuni liguri e piemontesi interessati, per chiedere maggiore trasparenza e chiarezza sui motivi che portano tutti gli anni alla chiusura della linea al solo trasporto passeggeri.

Invitiamo anche noi tutti gli interessati a partecipare e a far vedere “di persona” la propria presenza e le proprie richieste: mettere post di protesta su facebook è più semplice e immediato, ma può essere utile solo a chi è nella stessa situazione, non ad essere ascoltati “dall’alto”… se poi quando ci sono gli incontri si presentano i soliti quattro gatti, è difficile essere presi in considerazione.

lettera del Comitato Pendolari, cliccare per leggerla tuttaRiportiamo il testo della lettera:

Buongiorno, condividiamo con tutti gli iscritti la lettera congiunta predisposta tra il nostro Comitato Pendolari e i 27 Comuni Liguri e Piemontesi aderenti al protocollo d’intesa tra le parti e che in data odierna è stata inviata all’Assessore ai Trasporti della Regione Liguria in merito ad una richiesta di maggiori informazioni e maggior chiarezza sulle ragioni e sulle motivazioni (tecniche, economiche ed infrastrutturali) che hanno portato la Regione Liguria alla scelta di interrompere la sola circolazione passeggeri nella tratta ferroviaria Genova-Ovada per il periodo 29 Luglio – 3 Settembre.

Il nostro Comitato in questo periodo si è trovato più volte a dover spiegare le ragioni che la Regione Liguria ci aveva comunicato (solo a voce nei precedenti incontri) e che avevano portato la Regione stessa a scegliere la soluzione dell’interruzione della circolazione sulla nostra linea ferroviaria. Per queste ragioni, crediamo sia doveroso da parte della Regione Liguria, in maniera scritta, chiara, trasparente e puntuale, rendere pubblici i motivi di tale scelta e i dati economici legati a tale soluzione. Crediamo che solo la Regione Liguria possa e debba spiegare le ragioni della sua scelta e nessun altro soggetto possa svolgere tale azione.

In questo periodo il nostro Comitato, soprattutto nelle persone di Alessandra Rapetti, Manuela Delorenzi e Renato Rosano (che ringrazio pubblicamente), sta giornalmente inviando alla Regione Liguria e a Trenitalia mail di riepilogo sui principali disservizi che riscontriamo con il servizio sostitutivo. Vi preghiamo quindi di segnalarci i disservizi e le problematiche che riscontrate, anche se per un più rapido riscontro o per avere in tempo rapido utili informazioni, vi consigliamo sempre e comunque di fare riferimento all’ufficio CRM di Trenitalia (di seguito troverete riportati i canali di contatto).
Infatti, per informazioni e assistenza sulla circolazione è possibile contattare l’ufficio CRM Regionale Liguria di Trenitalia S.p.A. ai seguenti contatti:
– Tel. 010 274 4458 attivo dal Lun. al Ven. dalle 7.00 alle 19.00
– Numero Verde 800 098 781 gratuito da rete fissa dal Lun. al Ven. dalle 7.00 alle 19.00
– crm.regionaleliguria@trenitalia.it
Inoltre i viaggiatori che faranno richiesta con una semplice mail all’indirizzo del CRM (Customer Relationship Management) della Direzione Regionale Liguria di Trenitalia (crm.regionaleliguria@trenitalia.it), potranno essere inseriti in una mailing-list per ricevere direttamente informazioni sulla circolazione dei bus tra Genova e Ovada in tempo reale.

Infine preavvisiamo che l’incontro pubblico che organizziamo annualmente, quest’anno si terrà Lunedì 4 Settembre alle ore 21 presso la Loggia di San Sebastiano ad Ovada. Cogliamo l’occasione per ringraziare il Sindaco di Ovada per l’ospitalità e la disponibilità offerte. Invitiamo tutti a partecipare e chiediamo di aiutarci a fare circolare l’informazione; riteniamo che la data scelta sia particolarmente importante in quanto coincide sia con la riapertura della circolazione ferroviaria sia con il ritorno al lavoro e a scuola, dopo il periodo di ferie, per molti di noi viaggiatori e quindi riteniamo sia l’occasione giusta per fare il punto della situazione sul tema dei trasporti. Ci saranno comunque successive comunicazioni per informare e ricordare dell’incontro.

Saluti.

CDTVSeO (Comitato Difesa Trasporti Valli Stura ed Orba)
http://www.comitatopendolarivso.it/
https://www.facebook.com/groups/pendolari.acqui.genova/

 

 

Per tutelare il diritto alla mobilità e quindi anche i territori in cui viviamo, segnaliamo che lunedì 4 settembre alle ore 21,00 presso la Loggia di San Sebastiano in Ovada si terrà una riunione aperta agli utenti che vogliono continuare ad usufruire del servizio del treno.

Sarà l’occasione per poter segnalare tutti i disagi ai quali siamo andati incontro in questo mese “caldo” e, si spera, trovare delle soluzioni. Chiediamo, con largo anticipo, la disponibilità e la presenza a tutti i pendolari e ai cittadini dei paesi attraversati dalla linea ferroviaria Acqui Terme- Genova.
Cogliamo l’occasione per ringraziare per la disponibilità e l’ospitalità il Sindaco di Ovada Paolo Lantero

Comitato Trasporti Valle Stura e Orba

Vedi più articoli correlati
Vedi più articoli su Comitato Difesa Trasporti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Sciopero dei treni 15-16 giugno 2017

L’associazione dei PENDOLARI ACQUI TERME-GENOVA-Comitato Difesa Trasporti Valli Stur…