Home Cronache Locali Rossiglione Museo Passatempo Nuovi interventi per i Musei della Valle Stura

Nuovi interventi per i Musei della Valle Stura

8 min lettura
0
0
353
Aperitivo al Museo Tubino - Foto di Gianni Ottonello

E’ previsto per il prossimo autunno l’inizio dei lavori al Museo Passatempo di Rossiglione per la realizzazione di un lotto integrativo cofinanziato dalla La Regione, utilizzando residui dei fondi POR FESR destinati ai beni storico-artistici.
L’intervento originario, concluso lo scorso anno, rientrava nel progetto coordinato dalla Provincia di Genova sul lavoro dell’uomo e la trasformazione del territorio: il nuovo lotto riguarda il completamento del primo piano e la ristrutturazione di spazi non ancora utilizzati nel sottotetto, dove funzionerà una sala conferenze-auditorium e potranno essere organizzate mostre. Inoltre sarà recuperato un furgone per allestimenti itineranti del Museo.
La conclusione dei lavori dovrebbe avvenire nel maggio del 2015.

Contemporaneamente dovrebbero partire i lavori presso il Museo Civico del Ferro Andrea Tubino di Masone, sempre cofinanziati dalla Regione Liguria mediante l’utilizzo dei residui che si riferiscono ai fondi POR FESR.
In questo caso si tratta del ripristino degli accessi, interni ed esterni al grande cortile perimetrale con la realizzazione, già approvata dalla Soprintendenza, grazie alle altre tenaci azioni svolte dalla Giunta del sindaco Ottonello per quasi due anni, al fine di rendere utilizzabile lo spazio esterno del Museo, per ospitare iniziative di vario tipo in un vero e proprio “hortus conclusus” molto spettacolare, che completerà l’apprezzata offerta museale.
Sono previsi anche edilizi e impiantistici interni e il completo riordino del percorso museale, curato dal Conservatore Enrico Giannichedda. Il nuovo lotto, infatti, completa il progetto, coordinato dalla Provincia di Genova, sul lavoro dell’uomo e le trasformazioni del territorio i cui lavori principali, promossi e realizzati dalla passata Amministrazione, sono stati inaugurati dal Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando il 14 dicembre 2013, garantendo l’indispensabile ascensore panoramico, che collega i quattro piani, e la nuova sala conferenze nel sottotetto, oggetto di recupero conservativo che ha valorizzato le povere murature del ‘500 e le capriate a vista in castano.
L’intervento aggiuntivo si prevede parta nel prossimo autunno per concludersi poi nel giugno del prossimo anno.


Dal sito della Regione Liguria:

3 MILIONI DALLA LIGURIA PER LAVORI E IL MAQUILLAGE DI VILLE, GIARDINI STORICI, CASTELLI E MUSEI
Genova. Tre  milioni di euro dalla Regione Liguria  per  finanziare il restauro di una  ventina di siti del patrimonio culturale e naturale del territorio, ville e giardini storici, castelli, fortificazioni, musei,  siti di archeologia industriale.

Il provvedimento, approvato in mattinata dalla Giunta regionale, su propostadell’assessore allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli , assegna 2 milioni  e 968 mila 600 euro per  diciannove nuove proposte di lotti, a fronte di un investimento  investimenti complessivo  di oltre 3,5 milioni.

Gli interventi co-finanziati  riguardano  Villa Sauli Podestà-Parco del Basilico e restauro della Cappella (112 mila euro) a Genova, il Bastione di Cervo, nell’Imperiese (85.913), il Castello Doria Fieschi Malaspina di Santo Stefanod’Aveto ( 56.000), il Castello di Madrignano a Calice al Cornoviglio, nello spezzino (400 mila),il castello dei Fieschi e il borgo di  Senarega, nel Parco dell’Antola ( 175.651 ), la Torre di Guardia di Costa di Framura, nello Spezzino (95.900), il completamento del Museo Passatempo di Rossiglione, nel Genovesato (286.400), il restauro della Casa del Console di Calice Ligure, nel savonese (176.000), il Parco di Villa Negrotto Cambiaso di Arenzano (338.100), il Forte dell’Annunziata di Ventimiglia, in provincia di Imperia ( 158.278), la riqualificazione del Museo del Ferro a Masone, in provincia di genova ( 224.000),  Villa Serra di Comago, Sant’Olcese (224.705), il recupero delle  Batterie antiaeree di Camogli nel Parco di Portofino ( 130.369), la Batteria Generale Chiodo nel Parco di Montemarcello, La Spezia (  40.000), i lavori e la valorizzazione del lascito Cuneo a Calvari, in Val Fontanabuona, Genova ( 48.000), l’allestimento di un giardino nell’ex Cartiera Piccardo nel Museo della Carta di Mele, genova ( 144.000), il Polo Museale Perrando di Sassello, Savona (  52.000),  la Villa Vicini e il parco a Zoagli ( 67.322),  il Castello del Carretto a Bardineto, nel Savonese (99.800).

Il provvedimento assegna anche  contributi  per attività di monitoraggio alle province di Genova ( 46.510), Imperia (6.112), La Spezia (13.800) e Savona (7.696).

Il finanziamento fa parte delle risorse residue del Por Fesr 2007-20013, asse 4, azione 4.1 avviata nel 2009, per la “Promozione del patrimonio culturale e naturale” che ha visto finanziati 11 progetti integrati tematici proposti dalle quattro amministrazioni provinciali e comprendenti 93 interventi singoli attuati dai Comuni e da altri enti per la valorizzazione e promozione di una parte del patrimonio storico-culturale abbandonato o sottoutilizzato e il suo rilancio anche in chiave turistica.

L’Azione 4.1 è in avanzato stato di attuazione per impiegare efficacemente tutte le risorse e soddisfare i target di spesa imposti dalla U.E e dal Ministero, nel mese di gennaio di quest’anno la regione Liguria ha destinato ulteriori 1.3 milioni a favore degli stessi beneficiari individuati nel 2009 per consentire loro di attuare lotti funzionali, complementari e coerenti con gli interventi già selezionati, finanziati e realizzati nell’ambito degli 11 Progetti Integrati tematici, tali da costituirne un utile e necessario completamento e potenziamento.  Con la delibera approvata in mattinata si sono finanziati  progetti per 4, 2 milioni di Euro.

 

Nuovi interventi per i Musei della Valle Stura
Vota questo post
Vedi più articoli correlati
Vedi più articoli su Museo Passatempo

Rispondi