L’ del 9 e 10 ottobre, terrificante e drammatica per Genova, ha devastato e sommerso anche il territorio sotto la furia delle piene e la violenza dei nubifragi che hanno provocato un’infinità di frane molto gravi sulle strade provinciali e locali. La Provincia ha subito finora danni alla sua rete stradale per sette milioni di euro, un terzo dei quali assolutamente necessari solo per riaprire i tratti chiusi: e l’elenco purtroppo lungo comprende strade delle Valli Scrivia, Polcevera, Trebbia, Fontanabuona, Sturla e Aveto, dove la provinciale 586 è stata chiusa alla Squazza, fra Borzonasca e Rezzoaglio, perché l’ ha aperto un profondo squarcio, lungo venti metri, nella carreggiata.

L’impressionante e furibonda piena dello Scrivia, che ha superato l’altezza dei ponti, ha colpito in modo pesantissimo la vallata. A Casella, dove c’è il campo base della Protezione Civile nazionale per l’emergenza alluvione, il torrente si è portato via anche un largo tratto della variante alla provinciale 226.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Leggi anche

Il Notiziario del Venerdì – 29 giugno 2018

Cari telespettatori, Con questa sera siamo arrivati alla fine del ciclo dei notiziari 2017…