Home Notizie Scadenze fiscali

Scadenze fiscali

5 min lettura
0
0
422
tasi imu

“Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita…”

Ci siamo permessi di scomodare Dante Alighieri per esprimere quello che i cittadini italiani percepiscono in questi giorni: in particolare la Selva Oscura sono diventate la TASI e la più nota IMU.

Cerchiamo di dare ai telespettatori alcune indicazioni per quanto concerne l’abitazione principale e le pertinenze che, ricordiamo, sono magazzini, cantine, soffitte , autorimesse, stalle e cioè, una per ciascuna, appartenenti alle categorie C/6, C/2 e C/7:

  1. L’IMU va pagata solo se si è in possesso di ABITAZIONE PRINCIPALE di lusso e cioè appartenenti alle categorie A/1 – A/8 – A/9, abitazioni signorili, ville e castelli, così come va pagata sulle relative pertinenze: quindi rimangono esenti IMU tutte le Abitazioni Principali non di lusso e le pertinenze, una per ciascuna categoria. Chi deve pagare l’IMU come sopra specificato, dovrà applicare l’aliquota deliberata dal Comune, e potrà applicare la detrazione di 200 euro, ma non l’ulteriore detrazione per i figli conviventi
  2. La TASI, cioè la nuova tassa per i servizi indivisibili, dovrà essere pagata da tutti i possessori di ABITAZIONE PRINCIPALE in un’unica soluzione entro il 16 dicembre 2014. L’aliquota base è l’un per mille, elevabile fino al 3,3 per mille.

Per mettere un po’ di chiarezza è uscito il comunicato stampa N° 128 del 19 maggio 2014 varato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che , dopo l’ incontro con l’Anci, Associazione Nazionale dei Comuni, per venire incontro da un lato alle esigenze determinate dal rinnovo dei consigli comunali, e dall’altro all’esigenza di garantire ai contribuenti certezza sugli adempimenti fiscali, ha deciso che nei Comuni che entro il 23 maggio non avranno deliberato le aliquote la scadenza per il pagamento della prima rata della TASI è prorogata da giugno a settembre.

Per tutti gli altri Comuni la scadenza per il pagamento della prima rata della TASI resta il 16 giugno.

Per tutti i 3 Comuni della Valle Stura, così come per il comune di Tiglieto, che attualmente non hanno deliberato le aliquote TASI, ci sarà la tanto auspicata proroga del primo versamento al mese di Settembre.

Ricordiamo anche che il Comune di Mele, così come il Comune di Genova, invece, hanno già deliberato aliquote e meccanismo di applicazione della TASI : per cui chi possiede case in questi Comuni dovrà procedere al versamento dell’Imposta entro il 16 giugno. 

 

E’ ormai vicina la scadenza per la consegna del modello 730 2014: si rammenta che il termine di presentazione del modello 730 2014 al CAF o al commercialista per quest’anno è slittato al 3 giugno in luogo della precedente scadenza (31 maggio), il tutto considerato che il 31 cade di sabato e che il 2 giugno è festa della Repubblica.

Le sorprese non sono mancate: intanto la riduzione del tetto massimo sulle assicurazioni detraibili al 19%, poi il limite di 4000 euro di imposta da rimborsare in busta paga.

Infatti la legge di Stabilità varata nel 2013 prevede che i rimborsi superiori a 4000 euro vengano preventivamente controllati e poi erogati direttamente dall’Agenzia delle Entrate: per il controllo lo Stato stabilisce 6 mesi di tempo, ma nulla è stabilito in merito ai tempi di rimborso!

Speriamo che non siano i soliti tempi biblici!

Scadenze fiscali
Vota questo post
Vedi più articoli correlati
Vedi più articoli su Notizie

Rispondi