Luigi Pastorino “Cantaragnin” intervista Piero Ottonello su un progetto per convogliare acqua potabile dal Torrente Stura alla città di nei primi del 900

Il questo video Piero Ottonello, il direttore della testata giornalistica di TeleMasone ci parla delle sue ricerche storiche su due progetti, e di quello che poteva succedere a Masone, e che non è successo.

Un progetto riguardava la derivazione di acqua potabile dallo Stura a Genova, tramite la costruzione di tre dighe, due sullo Stura e una sul Vezzulla, per convogliare le acque verso Voltri per fornire sia energia elettrica che alimentare l' genovese, ricordando che Genova in quel periodo era in piena espansione economica.

il progetto originale della costruzione delle dighe nella zona di Masone, due dighe sullo Stura, in prossimità della località Bruzzona, che avrebbero convogliato le acque attraverso un tunnel verso , e una diga sul Vezzulla, in località Nascio, che avrebbe dovuto compensare l'acqua che sarebbe stata portata verso Voltri dalle due prime dighe. Contro questo progetto furono presentate nel 1909 anche delle interpellanze parlamentari , che avrebbe danneggiato il basso Piemonte, per il quale l'acqua irrigua era di fondamentale importanza.

Il progetto per vari motivi non fu mai realizzato, mentre venne realizzato un secondo progetto, che riguardava le dighe sullo Scrivia e sull'Olba, furono infatti costruite le dighe sul Gorzente e la sfortunata diga di . Si passa quindi a parlare dell' di Molare, provocata dal tracimamento del lago di Molare, con il crollo della diga di Zerbino, che il 13 agosto 1935 causò più di 150 morti da Molare fino a Capriata, il più grande disastro di questo genere fino a quello ancor più tragico del Vajont nel 1963.

La comunità di Masone e il stesso hanno tenuto nel cassetto per anni il sogno di costruirsi una propria piccola centrale idroelettrica. Il progetto prevedeva a sua volta la costruzione di una diga presso la Cascata del Serpente, fu approntato agli inizi del 900 ma fu accolto solo negli anni 50, quando però o per mancanza di fondi o in vista della nazionalizzazione delle aziende elettriche, non fu mai realizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Consiglio Comunale di Masone del 26 settembre 2023

Alle ore 19:00 di martedì 26 settembre 2023, presso la Sala Consiliare del comune di mason…