TeleMasone presenta: “Hobby come artigianato, artigianato come hobby”
a cura di Luigi Pastorino, il Cantaragnin, con riprese di

Il video, del 9 maggio 1985, inizia con le riprese di del laboratorio e dell’attività dei pasticceri, con una panoramica anche dei prodotti dolciari.

Segue l’intervista di Luigi Pastorino, il Cantaragnin, a Michele di Mosto, Miche d’Mustu, seduto accanto alla sorella Maria.
Michè spiega da dove deriva il soprannome “Mosto” e come e quando è nata la sua bottega di pasticceria.
Passano poi a parlare di tutti gli oggetti costruiti dal padre, un orologio, un pianoforte, delle macchine per la panificazione e la pasticceria.
A Michele da giovanotto piaceva anche cantare, ed accenna una canzone che cantava quando era più giovane.
Luigi Cantaragnin saluta i suoi ospiti, le riprese si chiudono con una melodia suonata sul vecchio piano costruito dal padre di Michè e Maria d’Mustu.

Al termine del video c’è ancora una breve intervista di Luigi Pastorino Cantaragnin, che a Genova nella sala quadrivio intervista il tenore Garaventa, che ricorda che nel 1953 aveva debuttato come baritono proprio in un’opera a Masone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

Rossiglione: dalle origini al ‘500

Renato Genocchio presenta la sua tesi di laurea, relativa alla storia di Rossiglione e dei…